Valle d’Itria, bellezze naturali da non perdere

Turismo

Pubblicato il 10 luglio, 2017 | da Giulia Perconti

0

Una delle aree geografiche più belle dell’intera Puglia e del Meridione d’Italia, la Valle d’Itria si estende tra le province di Taranto, Bari e Brindisi e racchiude diversi paesini e cittadine graziose, tra le quali Cisternino, Ostuni e Alberobello. Una terra ricca di storia, bellezze naturali e architettoniche e rinomata per la sua apprezzata gastronomia. Infatti, così come sono diversi i bei siti da visitare, altrettanto numerosi sono i posti dove mangiare a Cisternino, Ostuni e dintorni.

Per semplici turisti o appassionati delle gastronomie regionali infatti tanti sono i locali tipici da non perdere nella zona, come l’Osteria Sant’Anna ad esempio, in cui assaporare le celebri orecchiette oppure gli Gnummareddi di carne. E per smaltire queste magnifiche pietanze, non resta che fare belle passeggiate e visitare così le tante bellezze offerte dalla Valle d’Itria. Tra queste spiccano senz’altro quelle naturali e paesaggistiche, assolutamente da non perdere per gli amanti di questo genere di attrazioni.

Valle d’Itria e limitrofi

Una delle più suggestive è la riserva naturale di Torre Guaceto, situata nei pressi di S.Vito dei Normanni (BR), che si sviluppa per oltre 1000 ettari e in cui si alternano diversi tipi di ambienti: alcuni prettamente agricoli, con diversi uliveti, altri invece sono più selvaggi ed in cui predomina la macchia mediterranea o sono presenti delle piccole dune, in prossimità di alcuni tratti. In altre zone lungo la costa invece vi è la presenza di spiagge o di aree rocciose. Questa riserva comunque ospita diversi esemplari di animali: dai semplici insetti fino ad arrivare ad aironi e testuggini.

Altrettanto ricca e suggestiva è la riserva naturale di Bosco delle Pianelle, che sorge nel comune di Martina Franca (TA). Quest’area boschiva si distende per oltre 600 ettari e vi trovano rifugio diversi tipi di uccelli, quali la civetta, l’upupa, il fagiano o lo sparviere, a cui fanno compagnia lepri, cinghiali, scoiattoli, daini ed altri tipi di animali. Altrettanto variegata è la flora presente, da diverse specie di orchidee fino ad alberi veri e propri, come degli olmi e delle roverelle, un genere di quercia molto diffusa nel nostro Paese.

Si trovano nel comune di Castellana Grotte (BA) invece delle gallerie naturali carsiche sotterranee, che si distendono nella zona per alcuni chilometri e sono situate ad oltre 300 metri di profondità. Diversi gli ambienti dove scoprire la bellezza delle forme create dalla natura nel corso dei millenni. Da maestose stalattiti e stalagmiti fino a piccoli specchi d’acqua sotterranei dai colori splendidi. Suggestivi anche i nomi di tali ambienti: dalla caverna della civetta al corridoio del serpente, passando per il Grand Canyon, in cui si evidenzia il rosso di alcune formazioni naturali, dovuto alla presenza di materiali ferrosi.

Tags: ,


Sull'autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑