Assistenza agli anziani: come riconoscere la negligenza

Salute assistenza agli anziani

Pubblicato il 15 maggio, 2018 | da Valentina Coppola

0

È sempre difficile scegliere di affidare l’assistenza di una persona cara anziana a una casa di riposo. Non sempre, però, si ha la possibilità di assicurare la giusta assistenza agli anziani e rivolgersi a strutture esterne è la soluzione migliore per assicurare alla persona anziana le attenzioni e le cure di cui ha bisogno. Sapere che all’interno della struttura scelta la persona anziana riceve effettivamente l’assistenza e l’attenzione di cui ha bisogno aiuta a stare un po’ più tranquilli.

Non tutte le strutture di assistenza, però, sono delle “eccellenze” e anche all’interno delle strutture migliori può capitare che si verifichino episodi di negligenza che devono essere subito segnalati ai responsabili della struttura o alle forze dell’ordine.

Come fare, però per riconoscere i segni della negligenza nell’assistenza agli anziani? Far spesso visita alla casa di riposo senza preventivamente avvisare è un ottimo modo per verificare che tutto stia effettivamente andando per il meglio.

Assistenza agli anziani in casa di riposo, quando la fiducia non viene rispettata

È importante sapere che ogni casa di riposo per anziani per poter operare sul territorio deve essere in grado di assicurare una serie di servizi di base. Questi standard riguardano principalmente la salute, l’igiene personale, lo stile di vita, la sicurezza e la qualità della struttura e dell’ambiente circostante. Tutto lo staff della casa di riposo deve essere in linea con questi standard e deve rispettarli durante l’orario di lavoro.

Se si iniziano a riconoscere dei segni di negligenza nell’assistenza agli anziani è necessario intervenire allertando prima di tutto lo staff dirigenziale della struttura stessa: magari questi episodi si verificano in concomitanza con specifici turni.

Se, però, si ritiene che le proprie lamentele non vengano ascoltate e che i casi di negligenza non vengano affrontati adeguatamente rivolgersi alle forze dell’ordine è la soluzione migliore per proteggere il proprio caro anziano e tutti i residenti della struttura.

I 7 campanelli d’allarme per valutare l’assistenza agli anziani in casa di riposo

Se facendo visite a sorpresa alla persona anziana noti uno dei seguenti 7 campanelli d’allarme allora è probabile che qualcosa non stia andando nel modo giusto e che ci sia bisogno di prendere provvedimenti.

Di seguito gli aspetti da tenere in considerazione per valutare la negligenza nelle case di riposo:

  • facendo visita per la seconda volta in una settimana alla persona cara noti che è seduta ancora da sola, senza un campanello vicino e senza una bibita a portata di mano;
  • facendo visita alla persona anziana, noti che è bagnata e ha bisogno di essere cambiata ma nessuno degli operatori della casa di riposo si è accorto del fatto che l’anziano sia stato lasciato seduto sulla sua urina;
  • la stanza dove la persona anziana dorme ha il letto sfatto, sporco di feci o di urina; allo stesso modo, se all’interno della stanza c’è cattivo odore;
  • all’arrivo in casa di riposo noti cattivo odore per i corridoi o all’interno delle stanze;
  • i cassonetti della spazzatura e quelli della biancheria sporca non sono stati svuotati e sono stati lasciati abbandonati nel corridoio fino al tardo pomeriggio;
  • se noti lividi sulla pelle della persona anziana che non hanno alcuna apparente valida spiegazione;
  • se noti che la persona amata ha perso un bel po’ di peso e chiedendo informazioni agli operatori nessuno ha notato che l’anziano mangia di meno e di conseguenza sta perdendo peso.

La negligenza può essere considerata una vera e propria forma di abuso sugli anziani che vivono in casa di riposo. Se intuisci che c’è qualcosa che non va fallo presente ai responsabili della struttura: magari il responsabile può essere semplicemente qualche operatore che non si comporta nel modo corretto. Se, però, sospetti che ci sia dell’altro allora non esitare: rivolgiti alle forze dell’ordine.

Tags: , ,


Sull'autore

Web content editor & Social Media Marketer con la passione per la scrittura, i gattini e il blogging.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑