Sassuolo-Juventus: riparte dall’Emilia il cammino della capolista

Golia sfida Davide, la prima della classe in casa del fanalino di coda. Sassuolo-Juventus è anche questo, nell’anticipo serale della 7/ a giornata di serie A, che ritorna dopo la sosta in cui le nazionali sono state impegnate nelle qualificazioni a Euro 2016. Partito malissimo il campionato del Sassuolo, che in sei gare ha conquistato 3 soli punti tutti frutto di pareggi; 3 le sconfitte, l’ultima in casa della Lazio per 3-2.

La interviste e le dichiarazioni

I pronostici delle scommesse sul calcio betfair non vedono positivo per gli uomini di Eusebio Di Francesco. Tuttavia il tecnico degli emiliani si è espresso così in vista della gara contro i bianconeri in conferenza stampa:

Il Sassuolo se la giocherà fino alla fine, proveremo a fare risultato. La differenza tra le squadre è enorme ma questa è una partita che tutti vorrebbero giocare. Ci dobbiamo mettere il cuore. Allegri? Sta portando avanti e bene il lavoro impostato da Conte negli anni passati. Sono quelle partite che tutti vorrebbero giocare, sono felicissimo di affrontare la Juve e per noi sarà importantissimo fare risultato perché siamo un po’ indietro in classifica. Giochiamo contro la prima della classe ma metteremo tutto in campo, anima, cuore, tutto quello che abbiamo per poter competere con la Juve. Loro hanno cambiato poco, hanno aggiunto giocatori di qualità, gli altri si conoscono e lavorano insieme da tanto tempo e Allegri e’ stato bravo a non modificare ma a portare avanti il lavoro di Conte, e i risultati si vedono.”

Di contro, Allegri risponde a distanza a Rudi Garcia attraverso le pagine di un noto quotidiano italiano, cosciente che le polemiche dopo la gara vinta contro la Roma non sono cessate:

“ La cosa che ha fatto più male al calcio italiano è che hanno parlato tanto degli episodi e poco della partita. Sotto l’aspetto tecnico è stata buona, intensa, bella da vedere. Su questo, silenzio. In Italia si evidenziano sempre le cose meno buone. Tutti dicono il calcio italiano fa schifo, ma nessuno fa niente perché migliori. Tutti dicono gli arbitri italiani sono i peggiori, poi li troviamo ad arbitrare la finale di Coppa del Mondo. Le squadre italiane all’estero prendono rigori dubbi e stanno zitte. Da noi non succede. Le decisioni di Rocchi sono state elevate alla massima potenza perché era Juve-Roma. Le stesse in una partita di medio-basso livello non fregavano niente a nessuno. Così si è persa anche la buona prestazione della Juventus contro la Roma, grande squadra che ha in Totti un giocatore straordinario".

Le sue parole cambiano in conferenza pre gara:

“Sfidiamo una squadra che ha molta volontà e ha tutte le caratteristiche per salvarsi. Per noi è una partita importante e ora inizia un mese fondamentale per il campionato e la Champions. Non vincere a Sassuolo vorrebbe dire buttare a mare la vittoria di due settimane fa allo Stadium”.

Vista la novità che rappresenta una squadra come il Sassuolo, promosso in serie A per la prima volta nella sua storia lo scorso campionato, è solo 1 il precedente e risale a qualche mese fa: 1-3 con le reti di Zaza, Tévez, Marchisio e Llorente.

/