Sigaretta elettronica: i benefici rispetto alle sigarette tradizionali

Quando si fa riferimento ai benefici della sigaretta elettronica è importante riferirsi all’utilizzo delle sigarette tradizionali: fumare è un vizio che dovrebbe essere evitato. Il passaggio alla sigaretta elettronica conduce i fumatori a due principali benefici: il  primo obiettivo è a livello economico, il secondo obiettivo è a livello di benessere. E’ presente anche il lato economico, ovvero il risparmio ed è tangibile.

Tuttavia, molto dipende dalle abitudini del fumatore: più sigarette si fumano al giorno più proporzionalmente diminuisce il tempo per recuperare la spesa del kit. Una volta che si acquista il kit iniziale, i costi di mantenimento sono molto bassi. La durata media di un atomizzatore è di alcune settimane, una batteria (come quelle acquistabili sul sito di sigaretta elettronica Green-Smoke.it) infatti può durare diversi mesi, ma il consumo del liquido dipende dalle proprie necessità.

Attualmente chi passa alla sigaretta elettronica può subito percepire una notevole riduzione dei costi rispetto alla classica sigaretta. Sotto l’aspetto del benessere e della salute, anche se le organizzazioni mediche raccomandano sempre maggiore prudenza, la maggior parte dei fumatori che sono passati alla sigaretta elettronica hanno percepito un netto miglioramento della salute.

Maggiore fiato, minore affaticamento, minor tosse

Gli effetti positivi che derivano dall’utilizzo della sigaretta elettronica sono dovuti dal fatto che all’interno dei liquidi vaporizzati, non sono presenti delle sostanze tossiche. Tralasciando la nicotina infatti, a differenza delle sigarette tradizionali non contengono al loro interno molte sostanze che sono riconosciute come pericolose.

Proprio per il fatto che in una sigaretta elettronica non è presente alcuna combustione, quello che si aspira è una vaporizzazione del liquido stesso, senza alcune alterazioni.

Il “fumo” della sigaretta elettronica

Tralasciando l’aspetto economico oltre ai benefici per la salute, ci sono molti aspetti da considerare sul fumo che viene emesso dalla sigaretta elettronica, stiamo parlando maggiormente del vapore che è in grado di potersi disperdere molto velocemente nell’aria.
Una caratteristica che è molto apprezzata, è l’utilizzo della sigaretta elettronica in ambienti chiusi, senza alcuna preoccupazione che possa creare fastidio a nessuno o che si possa impregnare gli abiti di fumo.

Moltissimi fumatori sono contenti che in auto possa fumare tranquillamente senza dover obbligare nessuno ad aprire il finestrino, specialmente quando piove o quando viene impiegata l’aria condizionata.

Precauzioni e rischi

Ad oggi i rischi dell’utilizzo della sigaretta elettronica sono strettamente correlati al mondo dei giovani, bisogna temere il fumo infatti, che anche se elettronico, è pur sempre un vizio.

L’ideale sarebbe condurre uno stile di vita sano ed equilibrato, ed evitare l’impiego della sigaretta elettronica e della sigaretta tradizionale. Tra le sostanze che sono presenti all’interno dei liquidi e delle sigarette elettroniche, l’unica che viene considerata "pericolosa" è la nicotina.
Anche se non è presente in tutti i liquidi, a differenza delle sigarette tradizionali che ne contengono sempre, è spesso consigliato sempre informarsi sulla percentuale di nicotina che è contenuta nel liquido che si vuole utilizzare.

E’ ideale l’acquisto di liquidi di produzione italiana, con documentazione e certificazioni ufficiali per il loro contenuto, facendo sempre molta attenzione a quelli che vengono importati e quelli che potrebbero avere una dubbia provenienza.

I consigli degli esperti

L’Istituto Superiore di Sanità ha dichiarato molto pericolosa la sigaretta elettronica. Nel rapporto che è stato consegnato dall‘ISS al Ministero della Salute si legge che:

“Le sigarette elettroniche con nicotina sollevano preoccupazioni per la salute pubblica. Potrebbero rappresentare un rischio di iniziazione al fumo convenzionale a base di tabacco e di potenziale dipendenza. Rischio notevole soprattutto per i giovani considerando la facilità di reperimento su Internet.“

Pasquale Capponnetto, psicologo e autore, dello studio sulla sigaretta elettronica, ha affermato:

“La media italiana di cessazione dal fumo è solo dello 0,02%. Le nostre percentuali rappresentano dunque un grande successo."

Sicuramente quindi la questione è ancora molto dibattuta, ma siamo sicuri che la sigaretta elettronica rimane uno dei migliori metodi alternativi utili a cambiare, modifica ed eliminare il vizio del fumo o comunque diminuire l’impatto che questo vizio ha nella nostra vita.