Stanze e passaggi segreti in casa tra storia e leggenda

Rifugiarsi in luoghi nascosti è sicuramente uno dei sogni più diffusi tra i bambini, ma soprattutto tra gli adulti!

Chi non ha mai desiderato avere in casa un rifugio per poter isolarsi dal resto del mondo? O una stanza nascosta per custodire i propri segreti?

Se anche tu desideri realizzare una camera segreta in casa tua puoi optare per qualcosa di più semplice.

Puoi per esempio utilizzare la classica libreria removibile o montare porte che si mimetizzano con il resto della parete. Si possono realizzare ambienti nascosti a misura di bambino.

Se hai uno spazio non sfruttato sotto la scala si può pensare di costruire un piccolo rifugio chiudendolo con una libreria o una porta mascherata che riprende il colore della parete.

Puoi addirittura utilizzare un finto camminetto o un armadio come accesso segreto che farebbe invidia alla Signora in Giallo.

Le stanze e i passaggi segreti sono prepotentemente tornati di moda, viste le continue richieste sempre più strane alle ditte di costruzione, come ci testimonia l’impresa edile Businessplansrl che ha realizzato diversi progetti di questo tipo.

Le idee sono tante per vivacizzare trasformare anche un piccolo appartamento in una casa del misterno, senza necessariamente spendere un patrimonio.

Le stanze segrete nella storia

Ai tempi dell’Antico Egitto illustri architetti progettavano e realizzavano immensi monumenti funerari che prevedevano stanze e passaggi segreti, per proteggere i tesori del loro faraone, alcuni di loro ai giorni nostri rimangono ancora segreti!

Durante il Medioevo i signori feudali facevano costruire i propri castelli provvisti di stanze segrete e cunicoli che spesso venivano usati per fuggire dal nemico altre volte diventavano luoghi di prigionia.

Pare addirittura che anche il castello giudicale di Eleonora d’Arborea in Sardegna avesse al suo interno un passaggio segreto, come testimonato dal ritrovamento del tunnel che collega sino a valle e che confermerebbe la leggenda della via di fuga utilizzata dalla bella Eleonora.

I cunicoli sono scavati nella roccia e passano sotto le case di Sanluri, sino ad arrivare alle pendici del paesino.

Uno dei passaggi segreti più famosi è quello del Castello Sforzesco di Milano, che si snoda tra cunicoli attraversabili anche a cavallo, sino ad arrivare alla campagna.

Nel Castel Sant’Angelo a Roma dal cortile della Balestra si accede a corridoi nascosti che conducono a piccole celle.

Sono tantissime le leggende che avvolgono di mistero le stanze dei castelli e delle dimore signorili, raccontano storie di crudeltà, di amori proibiti o di tesori nascosti.

Le stanze segrete oggi

Il sogno di una stanza segreta ha attraversato la storia arrivando ai giorni nostri intatto.

Oggi il desiderio di celare un segreto in camere nascoste non è diverso dai tempi passati, forse è cambiato lo scopo finale!

Pensiamo a milionari stravaganti che vogliono stupire gli ospiti con passaggi nascosti, stanze dei segreti alla Harry Potter o armadi stile Cronache di Narnia, o semplicemente nascondere oggetti preziosi e rarità.

Legata al dilagare dei furti è la nota Panic room o camera di sicurezza, struttura interna che permette di trovare riparo in caso di “aggressioni”.

La Panic room è molto diffusa nella cultura anglosassone, naturalmente è riservata a persone che se lo possono permettere! Sempre più personaggi famosi, politici e persone a rischio scelgono di installare una panic room nella propria abitazione.

Essa non è una semplice camera segreta ma diventa quasi un bunker dotato rivestimento in cemento armato, di porte blindate e antiproiettile, di sistemi tecnologici avanzati per comunicare con l’esterno e di videosorveglianza.

Sono progettate per proteggere gli occupanti fino all’arrivo dei soccorsi, i quali possono essere chiamati o avvisati tramite tasti di chiamata per la sicurezza.

Tra i passaggi segreti più famosi sicuramente ci sono quelli della Casa Bianca, accessibili attraverso porte nascoste negli angoli più impensabili. Una di queste si trova tra le due statue di Wiston Churchill e Dwight D. Eisenhowe.