Materasso in Memory Foam: la tecnologia del sostegno differenziato

Quanti di voi conoscono il materasso in Memory Foam? E quanti, pur conoscendo il nome, sanno effettivamente che cos’è?

Con l’avanzare della tecnologia, molti produttori di materassi studiano la migliore soluzione per ottenere la suddivisione ideale in diverse zone del materasso per il cosiddetto sostegno differenziato a vantaggio di varie parti del corpo.

L’obiettivo finale di questo sistema è ridurre il più possibile la tensione muscolare e dei nervi e permettere alle articolazioni ed alla colonna vertebrale di riposare adottando una posizione naturale.

Il sonno di qualità migliora la vita ed ogni supporto che sia in grado di essere ‘amico’ del sonno è il benvenuto come il Memory Foam.

Che cos’è il Memory Foam?

Che cos’è di preciso? E’ uno strato in schiuma viscoelastica (elastica e resistente) studiato inizialmente dalla Nasa, un componente sempre più richiesto per il supporto ideale di materassi a molle, in lattice o in poliuretano.

Il materasso in  Memory Foam si adatta, si ‘aggiusta’ automaticamente al peso ed alla temperatura corporea di chi ci dorme sopra offrendo alti livelli di comfort ma, soprattutto, eliminando quella fastidiosa pressione sulla colonna vertebrale e sui muscoli: la sua tecnologia consente di distribuire equamente il peso del corpo minimizzando la pressione.

Il sostegno differenziato, che consiste appunto nella distribuzione ideale del peso corporeo, migliora decisamente la qualità del riposo.

Il Memory Foam a cella aperta permette una traspirazione totale ed il ricircolo d’aria costante all’interno di un materasso come di un cuscino.

 

Ridurre la pressione tra soggetto e materasso

Riuscendo ad ‘aggiustarsi’ e deformarsi adattandosi alla struttura corporea, il materasso in Memory Foam ha il pregio principale di ripartire la pressione in modo uniforme sull’intera superficie del materasso riducendo la compressione stessa.

Una ricerca dell’Università degli Studi di Milano conclude: “scegliendo il materasso, si possono ridurre le pressioni e sembra opportuno usare quelli che, per caratteristiche costruttive, sottopongono i tessuti alla minore compressione possibile”. Quello che, in sostanza, fa il Memory Foam integrato in alcuni materassi.

Il risultato è un miglioramento della circolazione ematica e linfatica del sottocute e delle terminazioni nervose.

La soluzione ammortizzante di I-FO@M THERMO

I materassi Memory Foam termici a 3 strati e 7 zone differenziate che si trovano in commercio con il brevetto I-FO@M THERMO sono certificati con Presidio Medico di Classe 1.

Ognuno dei 3 strati ha una propria funzione: quello in Memory Foam termico dona un effetto micro-massaggiante, quello centrale a media densità ammortizza perfettamente la struttura corporea e l’ultimo strato la sostiene al meglio.

I-FO@M THERMO è una schiuma in grado di termoregolare le zone che si trovano a contatto col corpo per creare un microclima ideale: è prodotta con il supporto di microsfere chiamate PCM (Phase Changing Material), una sorta di accumulatori di calore intelligenti che immagazzinano un’elevata quantità di energia per mantenere costante la temperatura del corpo.

Questo tipo di materassi (i cui materiali e lavorazioni sono made in Italy al 100%) sono certificati CE e CERTI-PUR, rispettano le normative UNI-EN di sicurezza, igiene e salute. I materiali sono, inoltre, certificati Oeko Tex.

La spesa per l’acquisto del materasso in Memory Foam I-FO@M THERMO è detraibile dalle tasse.