Guida alla scelta del miglior sistema di raffreddamento

"sistema-di-raffreddamento"Oggi vogliamo parlarti di come scegliere il migliore sistema di raffreddamento per la tua casa. La calda stagione sta per arrivare e con essa si presenta, qualora lo non avessi ancora affrontato, il problema di come sopravvivere alle alte temperature. Hai bisogno di progettare un impianto di raffreddamento adatto alla tua abitazione ed alle tue esigenze.

Si sa, le soluzioni sono molteplici (dal ventilatore al climatizzatore) ed ognuna di queste è pensata per  un ambiente specifico o per la persona che debba abitarlo. Ad esempio, un soggetto che non tollera le basse temperature o soffre di dolori alle ossa preferirà sicuramente un ventilatore o una ventola a soffitto ad un climatizzatore poiché si limiterà solamente a smuovere l’aria dell’ambiente e non ad emanare un getto d’aria fredda che potrebbe causare fastidio (specie se direzionata su un letto, ad esempio).

L’ideale è dunque scegliere un sistema di raffreddamento ideale per garantire un certo comfort e per non danneggiare la salute. Vediamo, allora, quali sono gli impianti di raffreddamento disponibili ed analizziamone le caratteristiche.

Sistema di raffreddamento: impianto di climatizzazione

L’impianto di climatizzazione è composto da una serie di condizionatori installati nelle stanze più vissute della casa (solitamente cucina, soggiorno e camera da letto). Si compone di: una centrale di produzione, una rete di distribuzione di acqua, aria o gas refrigerante, elementi terminali di diffusione, centraline, cronotermostati ed altri strumenti adatti alla regolazione della temperatura.
Il sistema di raffreddamento si dice centralizzato se i vari condizionatori sono collegati ad una sola centrale di produzione (altrimenti si dirà decentralizzato).

Puoi scegliere se realizzare il tuo sistema di climatizzazione con condizionatori o con climatizzatori. I primi raffreddano mentre i secondi, in più, riscaldano, deumidificano e filtrano l’aria.

Puoi poi scegliere tra modelli on-off (che stanno in funzione solo fino al momento in cui viene raggiunta la temperatura impostata) ed inverter (che regolando automaticamente la temperatura e rimanendo dunque sempre in funzione, non consuma energia accendendosi o spegnendosi continuamente).

Sistema di raffreddamento: pannelli radianti

Un secondo tipo di sistema di raffreddamento è quello costituito dai pannelli radianti. Si tratta di un insieme di tubi capaci di gestire sia il caldo che il freddo e di garantire un certo risparmio di energia. Questi tubi vanno posizionati sul pavimento, sotto le piastrelle. In questo modo, sia una bassa sia un’alta temperatura verrà diffusa per tutto il pavimento e si propagherà uniformemente per tutto l’ambiente senza che vi siano scambi d’aria. La temperatura ideale è compresa tra i 23 ed i 26 gradi.

Oltre ai sistemi di tubi, puoi scegliere anche di installare dei pannelli radianti sotto il massetto. La temperatura ideale è pari a quasi 20° C (se fosse più bassa la superficie potrebbe essere troppo fredda o formare condensa). Puoi scegliere di disporre i pannelli anche lungo le pareti o a soffitto ma considera che, in generale, vengono installati al pavimento per via di una distribuzione più uniforme del calore.

Come scegliere il sistema di raffreddamento più adatto a te

Una volta fatta una panoramica dei sistemi di raffreddamento più diffusi non ti resta che scegliere quello più adatto alle tue esigenze.

Un sistema di raffreddamento basato sui climatizzatori è ideale se sei in cerca di uno strumento in grado di generare caldo ed emettere aria fredda. Sceglilo se sai sopportare delle basse temperature facilmente o se senti l’esigenza di rinfrescare solo una zona della casa (ad esempio, la camera da letto). Considera però che l’aria fredda generata da un climatizzatore non viene “mantenuta” nella stanza una volta che l’apparecchio si spegne, perciò saresti costretto a tenerlo sempre in funzione consumando energia.

Scegli un sistema di raffreddamento a panelli o a tubi radianti qualora fossi in cerca di qualcosa in grado di rinfrescare uniformemente tutta la casa e mantenere il fresco più a lungo anche in seguito allo spegnimento della temperatura. Sceglilo se non vuoi essere colpito da un getto d’aria o provare il fastidio di sentire circolare l’aria fresca (così come farebbe un climatizzatore).

Adesso conosci le caratteristiche dei due sistemi di raffreddamento principali. Scegli quello più adatto alle tue esigenze e alla tua abitazione.