Le Rose di Natale simbolo di rinascita

Siete alla ricerca di un’idea originale e di sicuro gradimento per le feste di Natale? Certo, sembrano lontane ma perché non prepararsi in tempo? Magari iniziando a prendersi cura di un dono prezioso, una pianta coltivata in casa e portata alla fioritura proprio in vista delle feste? La Rosa di Natale è un regalo delicato, elegante e di sicuro effetto.

Rose di Natale, i fiori che illuminano le festività

Non solo Stelle di Natale, quindi. Per le prossime festività perché non puntare sui fiori candidi e profumati delle Rose di Natale, da conoscere meglio attraverso le pagine del sito codiferro.it? un modo per stupire e sorprendere i nostri ospiti, gli amici e familiari. Si tratta di una pianta amante della stagione fredda. L’elloboro è noto con il nome comune di Rosa di Natale e riesce davvero a portare luce sulle tavole imbandite. Ottima come pianta da esterno, preziosa decorazione per gli interni.

Ditelo con i fiori: il messaggio della Rosa di Natale

Ma qual è il messaggio che si nasconde dietro la scelta di una piantina di elleboro come dono natalizio? Questo fiore, questa pianta simboleggia una rinascita, uno stato di benessere, perfetto per iniziare con il piede giusto il nuovo anno. È il segno dell’abbandono di uno stato di ansia e infelicità. Secondo la tradizione, una pastorella avrebbe donato al piccolo Bambin Gesù proprio questo fiore ed è questa la ragione per la quale è diventato da sempre simbolo della spiritualità delle feste. Si racconta, infatti, che la piccola, molto povera, si fosse recata alla grotta senza nulla da poter offrire. Dopo aver girato e rigirato alla ricerca di un dono, in preda allo sconforto si abbandonò al pianto. Così un angelo, intenerito dalle sue lacrime, fece apparire delle splendide rose di natale bianche, un dono perfetto per il piccolo Gesù.

Le proprietà delle Rose di Natale

""

L’elleboro, inoltro, vanta numerose proprietà terapeutiche e viene utilizzato per la realizzazione di diverse tisane. Si tratta, in realtà, di una pianta altamente tossica. È fondamentale, quindi, che venga maneggiata di un esperto, capace di dosarne le quantità. Sono soprattutto le foglie e le radici a contenere le principali proprietà terapeutiche e hanno effetti rilassanti e tranquillizzanti. Inoltre, favorisce la concentrazione e seguendo determinati dosaggi può avere proprietà lassative.

Coltivarla in casa, ecco tutti i segreti

La Rosa di Natale, nonostante le sembianze particolarmente delicate, il candore dei suoi fiori e la delicatezza della sua presenza, è una pianta molto resistete. Ama le temperature fredde, non particolarmente rigide, e non necessità di cure complesse. Per queste ragioni si presta alla coltivazione in casa, preferibilmente in vaso. Preferisce un terreno calcareo-argilloso ma si adatta anche ad altre tipologie di terreno. La condizione indispensabile per favorirne la fioritura, però, è che il terreno sia ben drenato, al fine di garantire uniformità di presenza alle sostanze nutritive della terra stessa. Sul fondo del vaso, o della buca scavata nel terreno, è preferibile mettere 15 centimetri di terriccio universale. Il momento migliore per piantare i semi o i rizomi è a settembre o in primavera ed è bene tenere presente che si deve raggiungere una densità di 5-6 piantine al metro quadro, mantenendo una certa distanza tra le diverse piantine in modo tale da lasciare spazio alle stesse per svilupparsi.

Una Rosa dalle numerose sfumature

Sono davvero numerose le varietà di Rosa di Natale esistente. Le più diffuse, però, sono: Helleborus niger, Helleborus orientalis, Helleborus foetidus, Helleborus viridis e l’Helleborus x hybridus. Questa piante appartiene alla famiglia delle Ranuncolacee ed è originaria dell’Asia meridionale e dell’Europa. Fiorisce verso la fine di dicembre fino a marzo e presenta fiori grandi penduli a campana.