Cane smarrito: internet ci può aiutare a ritrovarlo!

Le nuove tecnologie ormai ci permettono di creare una vera e propria vita virtuale, con quasi tutti i bisogni primari e secondari che caratterizzano l’esistenza dell’essere umano, che possono essere  soddisfatti tramite la rete. Tra questi bisogni è sempre più in crescendo quello che ha come destinatario finale gli animali, i quali sono costantemente presenti nella nostra vita. Un problema che da qualche anno  potrebbe aver trovato una soluzione che ne limiti il più possibile la sua frequenza, è quello dei cani smarriti. Oggigiorno questo fenomeno purtroppo è sempre presente, ma grazie a internet e alla tecnologia può essere ampiamente ammortizzato.

Come rintracciarli?

Un’analisi riportata dal ‘Giornale di Brescia’ ci dice come solo in Lombardia negli ultimi tre anni ci sono stati circa 2000 casi di cani persi, abbandonati o vaganti. Già nel 2015 sono stati ritrovati quasi tutti (si parla di 1966 cani recuperati) e la stragrande maggioranza (1232) restituiti ai rispettivi proprietari. E’ stato possibile raggiungere questi numeri straordinari grazie a internet, in quanto gli operatori dei canili attuano una serie di manovre che permettono il facile e veloce rintracciamento dell’animale. Come prima cosa questi scattano una fotografia del cane recuperato e la inseriscono all’interno della loro pagina web di riferimento (esiste un’anagrafe canina per ogni Regione). In questo modo per i padroni che hanno smarrito il proprio cane basterà effettuare una semplice e rapida ricerca sul sito e, se il loro cane rientra tra quelli schedati, il gioco sarà fatto. Inoltre, il sito online permette ai proprietari stessi di presentare una denuncia di smarrimento a livello telematico, spedendo tramite internet il modulo compilato e accompagnato da una fotografia di riconoscimento dell’animale che deve essere ritrovato. Infine, è di quest’anno un’altra novità che rende ancora più semplice il ritrovamento del nostro amato animale domestico (perché sia chiaro che questa opportunità non vale solo per i cani smarriti ma anche per gli altri animali domestici come potrebbero essere i gatti, i furetti o qualche esemplare volatile). Si tratta dello sviluppo di un’applicazione per cellulari, chiamata ‘Zampa a zampa’, disponibile per Android e IOS, che permette di rimanere collegati e aggiornati ventiquattro ore su ventiquattro in qualsiasi luogo ci si trovi e, cosa ancora migliore, avere tutto a portata di mano senza la necessità di dover stare obbligatoriamente seduti davanti a un pc.