Consigli per fare cambusa per una vacanza in barca a vela

Qualche consiglio per uscire dal supermercato con una spesa da marinaio.

In una vacanza in barca a vela l’arte del gozzoviglio si manifesta spesso, possiamo non farci mancare niente, con qualche accorgimento per gli spazi. Una cambusa fatta bene rende sicuramente la vacanza più piacevole, vediamo quindi come svoltare la nostra vacanza con una spesa da vero marinaio.
Quando si parte per un weekend la spesa al supermercato prima di partire è abbastanza facile. Salpando per una vacanza di una settimana inizia ad essere importante tenere a mente alcuni trucchi che rendo la vita a bordo più confortevole.

Un primo consiglio generale su tutto quello che si porta è evitare confezioni ingombranti. Qualche esempio sono sacchetti invece che scatole di cartone, oppure birre in lattina invece che in vetro (la lattina oltre ad occupare poco spazio da schiacciata, si raffredda molto prima).
Sia per lo spazio a bordo sia per non dover smaltire tanti rifiuti, limitare gli imballaggi è un vantaggio.

Consideriamo poi che durante la vacanza faremo delle piccole spese durante le discese a terra. Qui possiamo far scorta di frutta, verdura ,carne/pesce freschi ecc. A bordo questi alimenti si possono portare anche alla prima spesa, ma non si conserveranno molto a lungo.
Acquistare gli alimenti sul posto sarà un’occasione anche per degustare qualche buon prodotto locale.

 

QUINDI…

La cosa importante è partire con una buona base di alimenti a lunga conservazione. Un bel carico di alimenti che durano (e che pesano) come pasta, riso, fagioli, acqua ecc.
Il frigorifero a bordo è sempre fresco, ma fresco non polare, quindi gli alimenti più delicati durano meno che a casa. Comprare carne da mangiare per svariati giorni ad esempio è impossibile. Comprarla fresca sul posto è spesso anche piacevole. Per il pesce poi.. magari lo peschiamo anche!

Per evitare di finire come nella foto (inviata simpaticamente da un’ospite dell’ultima settimana in barca a vela alle Baleari la scorsa estate), consiglio di solito questa mini-lista a chi sale a bordo per una vacanza in barca a vela di una settimana.  Giusto per dare un’idea, soprattutto a chi non è mai salito a bordo di una barca a vela, ed entra per la prima volta in un supermercato da marinaio.

Lista della spesa del marinaio

– una parte della spesa sarà composta da alimenti in scatola come tonno, fagioli, salsa di pomodoro in scatola, qualche sugo pronto per la pasta o una giardiniera per riso freddo ecc
– una buona scorta di pasta e riso per i primi piatti
– spuntini salati (ottimi in navigazione anche per prevenire qualche giramento di stomaco) tipo crakers, snack, formaggi meglio se stagionati e salumi meglio se non confezionati ma da affettare perchè che durano di più)
– un po di verdura, comunque il frigo non a bassissima temperatura ma rimane sempre acceso. Quindi qualche verdura da cucinare come zucchini, porri ecc, e qualcosa da consumare a crudo come pomodori, insalata (meglio non in busta che occupa tanto spazio, tipo iceberg si conserva bene e occupa poco posto è molto adatta)
– tanta acqua, per questa più ne prendete meglio è.. è bene avere a bordo una buona scorta prima di partire anche per evitare trasbordi in tender con le casse che pesano.
– caffè, sale, aglio, cipolla ecc li troverete a bordo, ma rimanere senza caffè è sempre un peccato..
Leggi articolo precedente:
raccolta olio minerale usato
Cos’è il Conou per lo smaltimento degli oli esausti

Gli oli esausti sono classificati come rifiuti pericolosi speciali; lo smaltimento dei rifiuti speciali a Roma è affidato a ditte specializzate, molte delle quali sono riunite sotto il CONOU, Consorzio...

Chiudi