magazzino negozio sigarette elettroniche

Fornitura sigarette elettroniche: come gestire il magazzino del proprio negozio

10 / 100 SEO Score

La gestione del magazzino, che si tratti una piccola impresa locale o di un’azienda di grandi dimensioni, ricopre un ruolo fondamentale per la salute del business.

Un’ottima organizzazione può portare a risultati strabilianti e velocizzare le attività quotidiane; in senso contrario, una pessima gestione del magazzino può voler significare la sfortuna del proprio locale e perdite impareggiabili.

Ad averlo notato sono anche i business di nuova generazione, uno tra questi è quello dello svapo. I negozi fisici di sigarette elettroniche devono far fronte a moltissimi fornitori di e-cig e cataloghi di nuovi aromi: il rischio di commettere errori è quindi alto.

Sigarette elettroniche all’ingrosso e gestione del magazzino

Un’organizzata gestione del magazzino diventa fondamentale se alla vendita in store viene sommata la presenza di un e-commerce.

La nuova normativa di legge ha legalizzato nuovamente la vendita online delle sigarette elettroniche precaricate e dei liquidi da ricarica e di conseguenza molti titolari di store hanno deciso di creare il loro e-commerce.

Premessa: le novità normative sui liquidi per sigarette elettroniche

Il governo è andato in contro alle preoccupazioni avanzate dal settore dello svapo e a inizio 2019 è entrata in vigore una nuova legge riguardante le sigarette, con un notevole ribasso delle tasse.

La nuova legge prevede per i liquidi da ricarica contenenti nicotina, una tassa di 0,0786 centesimi di euro al millilitro e per i liquidi da ricarica non contenenti nicotina una tassa di 0,0393 centesimi di euro per ogni millilitro.

Conviene ancora avere un grande magazzino di proprietà?

Quando, oltre a possedere uno negozio fisico, si gestisce anche uno store online, gli ordini possono arrivare in qualunque momento e trovarsi out of stock può voler dire una mancata possibilità di guadagno.

Come abbiamo potuto imparare dalle vicissitudine passate, le novità normative sono costantemente dietro l’angolo e avere un grande magazzino di proprietà rischia di diventare ingestibile.

Articoli invenduti e conseguenti scorte di prodotto stoccate in magazzino sono il rovescio della medaglia che costringono gli store a rifornirsi volta per volta per cercare di ridurre i costi di stoccaggio.

Rifornirsi a spot per avere sempre il prodotto in magazzino

Le linee guida della corretta gestione di un magazzino prevedono che le scorte devono variare a seconda dell’andamento delle vendite di un determinato lotto di prodotto.

Nulla di più semplice da capire ma applicarlo è tutt’altra storia.

Capita spesso di avere tra le mani un prodotto nuovo che nelle prime settimane viene molto richiesto: avere in magazzino una scorta sufficiente ad accontentare la domanda farà risparmiare tempo e denaro. Il rischio che la previsione non si avveri è però molto grande.

Avere poche scorte di magazzino fa risparmiare spazio utile e denaro nella gestione dei costi di stoccaggio. L’unica soluzione è quindi di affidarsi a dei fornitori affidabili e puntuali.

Aprire uno svapo shop online senza magazzino grazie al dropshipping di sigarette elettroniche

La gestione dei fornitori rischia di diventare un incubo per il gestore del negozio di sigarette elettroniche. Questi ultimi si stanno affidando sempre più spesso al dropshipping. Di cosa si tratta?

E’ il modello di vendita che prevede che il gestore del negozio possa vendere i prodotti all’utente finale senza possederli nel proprio magazzino.

Nel concreto, lo svapo shop online riceverà l’ordine dal consumatore finale e sarà direttamente il dropshipper a consegnarglielo.

Lo sviluppo del dropshipping anche in Italia ha reso queste figure sempre più organizzate: attuare questo modello in negozio è quindi divenuto possibile grazie anche a tempi di consegna in giornata e risparmio sui costi di trasporto.

Scegliere i fornitori: contattare i singoli produttori o affidarsi ad un grossista svapo specializzato?

Come accennato nei paragrafi precedenti, contattare i singoli produttori risulta molto problematico sia in termini di tempo che per il rischio di commettere errori.

Affidarsi ai grossisti di sigarette elettroniche in Italia, non solo è una grande aiuto per la gestione dello shop ma prevede anche sconti e agevolazioni a monte della partnership che questi ultimi hanno con le aziende produttrici.

Tra le alternative disponibili in Italia, un’azienda di Milano ha lanciato un nuovo programma per negozi svapo sia fisici che online.

Il programma di affiliazione per rivenditori eSvapo Store propone un sistema innovativo di fornitura all’ingrosso o in dropshipping di sigarette elettroniche, con sconti agevolati grazie alla collaborazione con importanti Brand e Partner di settore (tra cui uno dei più importanti fornitori all’ingrosso di sigarette elettroniche in Italia ed Europa). Il tutto contornato da una consulenza continua e specializzata per quanto riguarda la gestione dello shop e la comunicazione.

Si tratta quindi della scelta ottimale per chi desidera abbandonare un franchising di sigarette elettroniche o per chi desidera dare una spinta alle attività del proprio business.

Fornitori sigarette elettroniche: conclusioni e fattori da tenere in considerazione nella scelta

A conclusione di questa guida sulla gestione del magazzino di un negozio di sigarette elettroniche, ecco i consigli da tenere in considerazione per la scelta dei fornitori di sigarette elettroniche all’ingrosso:

  • Velocità: deve garantire consegne in 24/48 ore;
  • Reso: possibilità di rendere i prodotti senza costi aggiuntivi;
  • Garanzia e originalità dei prodotti;
  • Diversi metodi di pagamento accettati;
  • Quantità di unità per ordine: il fornitore non deve obbligare a spese minime per poter effettuare gli ordini.