libreria di design

Come scegliere una libreria di design

Hai voglia di dare un tocco di modernità alla tua sala o al tuo studio? Allora prova con una libreria di design: diventa un vero accessorio di interior design se scelto accuratamente rispetto al contesto in cui verrà inserita. Per questo motivo ci sono delle valutazioni da fare quando hai bisogno di una libreria di design perchè i modelli in commercio sono così tanti da rendere la scelta più ardua del previsto. 

Non è solo una questione di prezzo: una libreria economica ma di forte impatto visivo può essere perfetta per un angolo della sala allo stesso modo di una libreria più costosa e firmata. Quindi, che fare?

Ecco i  3 elementi da considerare per sapere come scegliere una libreria di design perfetta per i tuoi spazi.

Il colore

Il primo aspetto che attrae l’attenzione di un qualsiasi mobile o complemento d’arredo è il colore. Questo è in grado di attirare l’attenzione sulla libreria – se di forte contrasto rispetto alle altre tonalità della stanza – oppure di armonizzarla in modo coerente con il mood della stanza. Non ci sono regole universali ma ricorda che:

  • una libreria chiara in una stanza scura è di forte appeal e viceversa
  • una libreria con dettagli in legno si inserisce molto bene in uno stile scandinavo
  • una libreria con inseriti in materiali metallici è perfetta per una stanza industrial
  • un stanza con pareti tinteggiate in colori neutri, come il grigio il tortora, accoglie bene librerie con inserti in grigio

Il colore può quindi o essere un elemento differenziante o coerente con lo stile della stanza. La scelta dipende solo da te e dall’effetto finale che desideri.

La forma

Chi ha detto che una libreria è per forza rettangolare con scompartimenti regolari? Ci sono librerie irregolari, con cassetti e mensole diagonali interne molto originali, dettagli che rendono l’intera libreria un vero pezzo moderno di interior design. Del resto non si parlerebbe di libreria di design.

Le librerie con scompartimenti interni dalle forme irregolari si prestano particolarmente per stili di arredo moderni (un soggiorno classico, arredato con mobili in arte povera, potrebbe non essere la destinazione giusta per accessori di questo tipo). Al loro interno infatti puoi posizionare non solo libri e faldoni, ma anche orologi e oggetti di design, piante, sculture e cimeli vintage.

Scegli una forma irregolare se vuoi dare carattere alla stanza e se prevedi di inserire all’interno della libreria degli oggetti altrettanto particolari che vuoi attirino l’attenzione dei tuoi ospiti.

La posizione

Una libreria di design trova posto in diversi punti della casa. Certamente è un peccato tenerla nascosta in un angolo dell’ingresso o nel corridoio tra la sala e le camere da letto. Sono certo mobili con una loro funzionalità, ma meritano di essere notate.

Sono così belle che la loro collocazione ideale dovrebbe essere in bella vista lungo una parete del soggiorno. Nei soggiorni trovano posto le librerie più grandi con molte mensole di maggiore larghezza ma non è detto che un piccolo salotto non possa ospitare un modello di libreria più contenuto e meno largo (magari anche più basso).

Anche lo studio è una stanza ideale per ospitare una libreria di design: lo rende professionale ma molto chic. I modelli migliori? Le libreria alte ma meno larghe, contenute e con alcuni ripiani che si chiudono con le ante. Del resto nello studio si studia, appunto, o si lavora ed è quindi importante che le librerie conservino il loro lato più funzionale.

Dove acquisto una libreria di design?

Puoi girare per diversi negozi e rimanere confuso e indeciso, oppure puoi provare a dare un’occhiata agli e-commerce di interior design. Non devi indossarle nè ti serve toccare con mano la qualità dei suoi componenti, perché nelle schede tecniche sono indicati materiali, dimensioni e colori disponibili. Paghi online e ricevi la tua libreria di design direttamente a casa.