porte automatizzate

A che serve l’automazione per le chiusure industriali

L’automazione, in un settore come quello della logistica, permette di ottenere immediatamente un vantaggio competitivo.

La rapidità degli spostamenti, l’annullamento dei tempi morti e la sicurezza dei sistemi “smart” ha permesso a molte realtà industriali di incrementare la qualità del lavoro.

Sono ancora molte le realtà che non hanno rivoluzionato l’approccio alle chiusure industriali di nuova generazione. Prima di procedere ai vantaggi dell’automazione, analizziamo i principali modelli presenti sul mercato italiano.

Quali sono le chiusure industriali che utilizzano maggiormente le automazioni? Come un’azienda può dotarsi di portoni automatici?

Tipologie di chiusure industriali automatizzate

Prima di analizzare le caratteristiche delle automazioni e i grandi vantaggi che portano all’intralogistica, ecco le principali tipologie di chiusure industriali:

  • Portoni a libro automatizzati. I portoni a libro sono una tipologia di chiusura tipica delle realtà logistiche. Di vecchio stampo ma sicuramente rivisitabili in ottica moderna. I portoni automatizzati servono a coprire grandi chiusure, in particolar modo per i capannoni con altezza ridotta dell’architrave. Nella maggior parte dei casi possiedono delle guide a terra (scomode per la movimentazione delle merci) ma sono sempre più richieste anche le soluzioni che non presentano questo particolare impedimento.
  • Portoni scorrevoli. Molto richiesti in quanto riescono ad ingombrare uno spazio ridotto rispetto alla tipologia precedente- Sono chiusure perfette sia in ottica interna che esterna. Anche in questo caso sono presenti delle soluzioni con attivazione manuale o soluzioni automatiche (che permettono di ottimizzare le attività del magazzino).
  • Automazioni dei portoni sezionali. Sicuramente la tipologia più richiesta in ambito logistico. Realizzate per soddisfare anche le richieste più esigenti delle aziende, facilitano le attività quotidiane attraverso l’automatizzazione degli ingressi con alta frequenza di passaggio.
  • Chiusure ad avvolgimento rapido. Di grande utilizzo non solo per uso esterna ma anche per separare le diverse aree industriali. Sul mercato si possono trovare porte di diverse dimensioni, sia per facilitare gli accessi dei mezzi per la movimentazione delle merci che per l’accesso dei dipendenti.

Vantaggi delle porte automatiche

Quando vengono richieste nuove serrande industriali ci si aspettano porte di facile apertura/chiusura, affidabilità ed ermeticità.

Gran parte delle porte industriali automatiche citate sopra, riducono gli ingombri. Stiamo parlando di metri preziosi che le realtà come queste utilizzano per creare nuovi spazi per il deposito di merci o per facilitare la movimentazione dei carrelli elevatori.

Sono perfette soprattutto per quei luoghi ad alta frequenza di passaggio, anche quando lo spazio è poco.

Il tema sicurezza è però il più ricercato dalle industrie. Le aperture automatizzate seguono tutte le normative vigenti e offrono grande semplicità d’utilizzo. Azionabili in ogni momento e dotate di fotocellule di emergenza, annullano ogni tipo di contatto della porta con mezzi e personale.

I sistemi che permettono l’automatizzazione delle porte sono innovativi: i sensori annullano le aperture inutili, evitando le dispersioni di calore e sbalzi importanti soprattutto all’interno dei locali di molte imprese.

Pe concludere, altro grande vantaggio è l’estetica. Gli ultimi modelli di porte industriali automatiche garantiscono un design accattivante, anche per le industrie dallo stile molto grezzo e poco moderno. Sono perfette non solo in ottica industriale ma anche per ospedali, hotel, centri commerciali, aziende e molto altro.

/