sanificare il condizionatore

Igienizzare il condizionatore: ecco come fare

Igienizzare periodicamente il condizionatore d’aria è importante non solo per garantirne il perfetto funzionamento, ma anche per scongiurare il proliferare di batteri ed acari che potrebbero creare problemi alle vie respiratorie specie quelle di bambini e anziani.

Il lavoro non è per nulla difficile, e richiede soltanto alcune accortezze e magari l’uso di un disinfettante spray appositamente progettato. In rifermento a quanto sin qui premesso, ecco una guida con degli utili consigli su come portare a buon fine l’operazione di pulizia del tuo condizionatore d’aria. Ad aiutarci nell’impresa saranno i consigli dell’assistenza condizionatori a Firenze consultata per scrivere l’articolo.

Sanificare il condizionatore: operazioni preliminari

Per la sanificazione del tuo condizionatore d’aria per prima cosa accedi al filtro, e per fare ciò scollega la macchina e rimuovi la griglia o il pannello anteriore. Questo non dovrebbe richiedere un manuale, ma per sicurezza non forzare la griglia se non si stacca facilmente. Su alcuni modelli il filtro scivolerà fuori da un lato, quindi in questo frangente presta attenzione poiché una griglia rotta non è semplice da sostituire.

Premesso ciò, dopo aver rimosso il filtro procedi con un lavaggio sotto l’acqua corrente, e poi con l’asciugatura usando un panno pulito preferibilmente del tipo che non rilascia pelucchi. Un aspirapolvere può tra l’altro essere il modo più rapido per pulire il filtro specie se è solo impolverato e non incrostato di sporcizia. Cerca tuttavia di non usare mai calore eccessivo o acqua troppo calda poiché la griglia è molto delicata e fitta. A margine il consiglio ulteriore è di controllare il filtro almeno una volta ogni 30 giorni per assicurarti che non sia ostruito.

Avere costanza in questo tipo di operazioni aiuta a mantenere l’apparecchiatura in buono stato, allungando la vita del condizionatore e di conseguenza diminuendo le spese  in riparazione, necessaria in caso di guasti.

Sanificazione delle feritoie del condizionatore

Dopo che hai provveduto a sanificare i filtri del condizionatore, il consiglio è di tener conto anche delle feritoie. Se infatti il filtro è sporco, è molto probabile che l’area interessata abbia raccolto un po’ di polvere e lanugine e che potrebbero non essere visibili. Premesso ciò, anche una rapida passata con uno straccio bianco o un tovagliolo di carta umido potrà portare a buon fine l’operazione. Il modo più semplice per pulire una griglia rimovibile è di smontarla, portarla all’aperto, lavarla ed infine asciugarla. È importante dunque considerare l’apparecchiatura a 360 gradi, andando ad agire anche nei punti nascosti e non lasciare traccia di sporco.

Utilizzare uno spray sanificante

I detergenti spray delicati che sono sicuri per la plastica sono in tal senso ideali per rimuovere lo sporco. A lavoro ultimato una buona spruzzata sia sul filtro che sulle feritoie da cui fuoriesce l’aria fredda di uno spray sanificante approvato dai migliori presidi sanitari e disponibili anche sugli store online, è un’ulteriore accortezza che vale la pena considerare per ottimizzare il risultato e rendere il tuo impianto di aria condizionata a prova di agenti allergenici.

Questo articolo ti è stato utile? Scopri anche l’utilità del gas nel condizionatore!