dove posizionare split interno condizionatore

Split interno condizionatore: dove devono essere posizionati

Lo split del condizionatore è l’unità interna del sistema di climatizzazione dell’aria che, è costituito, oltre che dall’unità esterna dallo split interno appunto. Al suo interno è infatti presente lo scambiatore di calore, una struttura capace di assorbire calore presente all’interno della stanza nella quale è stato installato, per poi, grazie a un sistema costituito prevalentemente da un liquido refrigerante, di cederlo all’esterno grazie all’apposita unità.

La scelta della locazione dello split interno è molto importante per garantire un’efficienza e un’efficacia dell’utilizzo ottimale. Nel caso in cui questa venisse posizionata in modo errato i risultati in termini di efficienza dell’intero sistema potrebbero essere seriamente compromessi. Vediamo ora in questa guida come scegliere il posto ideale per il posizionamento di questo apparecchio. Ad aiutarci le indicazioni di tecnici specializzati che offrono un servizio di installazione condizionatori a Roma consultabile cliccando qui.

Dove posizionare lo split interno del condizionatore

Abbiamo visto in precedenza come una errata disposizione di questo sistema possa rivelarsi estremamente rilevante nel riuscire a decretare le performance effettive di questo strumento. Quando infatti, dopo l’acquisto del sistema, ci accingiamo nello scegliere la locazione dello split interno è molto utile considerare attentamente le seguenti variabili, per garantire, come descritto sopra, una operatività massima del sistema di climatizzazione.

Prima di installare l’apparecchio infatti è molto utile verificare attentamente la presenza, nelle vicinanze dello stesso, di mobili o di complementi d’arredo: il loro ingombro infatti ,se è eccessivo, può ostacolare il corretto circolo dell’aria, limitando, in questo modo, le performante dello stesso. In generale comunque è consigliabile posizionare lo split ad una distanza di almeno 15-20 centimetri dal mobilio antistante. Un’altra variabile molto importante da considerare, è l’altezza del dispositivo stesso. La fisica in questo caso ci viene in aiuto insegnandoci che l’aria fredda, in quanto più pesante di quella calda, tende a scendere verso il basso. Per questa ragione dunque sarebbe consigliabile installare l’apparecchio in alto , ma non estremamente a ridosso del soffitto. Un posizionamento ideale è solitamente a metà parete.

Un falso mito che invece è molto radicato è quello che, nel caso in qui lo split venga posizionato in un corridoio, la sua azione viene estesa a tutte le stanze che si aprono in questo; falso, questo non si verifica. Succederà infatti in questo caso che una delle stanze diventerà più fredda rispetto alle altre, che invece risulteranno notevolmente più calde. Per questa ragione dunque il corridoio è una delle zone più sconsigliate per il posizionamento del climatizzatore.

Qual è la posizione ideale dello split all’interno della stanza

Ogni stanza dunque ha una posizione ideale per questo apparecchio. Il climatizzatore dunque va posizionato in una posizione ben precisa, questo per evitare che la sua efficienza ne risenta.

  • Camera da letto: Nella camera da letto la posizione ideale è direttamente sopra al letto o, eventualmente, sopra la testiera. Così facendo infatti il flusso d’aria non raggiungerà mai la parte alta del corpo, ma , al massimo, la parte bassa;
  • Soggiorno: In questo caso la posizione ideale è nelle zone di passaggio e mai di fronte al divano e, tanto meno, sul tavolo da pranzo;
  • Cucina: Essendo quest’area riscaldata dai piani cottura, sarebbe consigliabile non posizionare mai il climatizzatore in questa area, così facendo non si rischia che questo possa creare fastidio durante il pasto e che la sua efficacia sia limitata dal calore prodotto dalla preparazione dei pasti.

Questo articolo ti è stato utile? Leggi anche a cosa serve il gas nel condizionatore!