come prendere misure infissi

Infissi in legno: come prendere le misure e registrarli correttamente

Prendere correttamente le misure in previsione della sostituzione dei vecchi infissi di casa è importante per richiedere un preventivo e avere, più o meno, un’idea dei costi da sostenere.

Prima di confermare l’ordine, il serramentista effettuerà comunque un sopralluogo per verificare la correttezza dei dati, migliorando la precisione di rilevamento.

Il peso dell’infisso in legno, con il tempo, può gravare sulla ferramenta e provocare un abbassamento più o meno importante delle ante. Tutto ciò che serve è una regolazione delle cerniere. Ecco come procedere secondo il fabbro di Roma che abbiamo consultato, presente online su questo sito.

Rilievo delle misure degli infissi in legno

Gli infissi non sono tutti uguali. Alcune porte o finestre rientrano nei valori standard, mentre altre sono fuori misura (troppo alte-basse oppure eccessivamente larghe-strette). In quest’ultimo caso, i costi sono superiori perché la struttura deve essere realizzata sulla base dei dati ottenuti dal rilievo. La precisione è quindi un fattore decisivo.

Il telemetro laser è uno strumento di estrema precisione ma in mancanza, lo si può sostituire con un classico metro a stecca. A questo punto, bisogna aprire completamente le ante e ottenere la larghezza totale dal punto più stretto. La misurazione va effettuata su più parti del telaio, anche perché solitamente è irregolare, a forma di Z. Stesso discorso per l’altezza ma posizionando il metro in verticale e facendo attenzione alla posa in opera su telaio esistente.

Qualora la misurazione dovesse avvenire su un muro nuovo e quindi solo predisposto ad accogliere l’infisso, la procedura è pressoché uguale. Tuttavia, la larghezza va rilevata dal vano architettonico, ovvero lo spigolo interno della muratura, da muro a muro; mentre l’altezza, anche in questo caso, posizionando il metro in verticale.

Potrebbe essere utile scattare anche qualche foto dall’esterno e dall’interno dopo aver effettuato la misurazione. Per una sostituzione degli infissi senza opere murarie, sarebbe opportuno fotografare anche il telaio a muro. Quest’accortezza sarà utile al serramentista per individuare il tipo di infisso adatto all’abitazione, lo stile, il materiale e la tonalità.

Come registrare correttamente degli infissi in legno

Le condizioni atmosferiche, l’usura ma anche un’installazione diciamo un po’ frettolosa, possono alterare la corretta chiusura degli infissi in legno. La registrazione può essere eseguita anche dai non addetti ai lavori in pochi e semplici passi, agendo direttamente sulle cerniere.

Per iniziare, è sufficiente chiudere l’infisso in legno e verificarne l’allineamento. Munirsi poi di una chiave esagonale di misura 4 e individuare la cerniera in basso a destra, cercando la vite necessaria per registrare l’anta (a volte potrebbe essere coperta da un tappo o un piccolo coperchio in plastica). Inserire la chiave a brugola all’interno e ruotare in senso orario per alzare l’infisso, al contrario per abbassarlo. Saranno sufficienti appena due o tre giri, non di più.

Controllare la corretta registrazione chiudendo la porta o la finestra in legno ed eventualmente ripetere l’operazione fin quando non sarà tutto perfettamente allineato.

Leggi anche: Come riconoscere gli infissi a taglio termico!