arredo-stile-industrial

Cos’è lo Stile Industrial per la casa

L’interior design definito “industrial”, si ispira alle fabbriche costruite tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Edifici composti da mattoni, cemento, ferro e acciaio, progettati per durare negli anni. Questi spazi, ampi e spartani, erano stati pensati per contenere il maggior numero di lavoratori possibile.

Con il passare del tempo questi edifici sono stati abbandonati e si è pensato di adattarli per creare qualcosa di diverso: nascono così le abitazioni in stile industrial. Nel mondo è ormai da decenni che si sono trasformati in splendidi spazi abitativi. È stata una mossa che ha prodotto uno stile di interior design completamente nuovo, continuando a ispirare i designer di oggi: lo stile industrial.

Lo stile industrial

Gli interni in stile industrial, sono definiti da elementi architettonici caratterizzati dall’uso di vetro, acciaio e cemento, utilizzando tubazioni e condutture come elemento caratterizzante. Il design degli interni in stile industrial è grezzo, quasi incompiuto, fornendo un’atmosfera casual in cui è rilassante vivere. Mantenendo lo spazio pratico e ordinato, questo stile è accogliente e rilassante.

Nascono così anche i complementi d’arredo moderni in stile industrial che potete trovare in diversi negozi online. Questo sito vende oggetti d’arredo moderni anche in stile industrial che fanno capire bene cosa intendiamo.

 

Caratteristiche dell’interior design industrial

Gli appartamenti in stile industrial, si basano sull’esaltazione di vari materiali da costruzione come elementi caratterizzanti. Travi a vista, legno di recupero, ferro, mattoni, cemento, sono tutti elementi fondamentali di questo stile. Gli spazi dovrebbero avere una pianta aperta, come le fabbriche a cui si ispirano. La stanza dovrebbe essere ordinata, con un mix di linee rette pulite e bordi curvi. Oltre a queste linee guida, è consentita una certa flessibilità per personalizzare lo stile industrial.

In sostanza, il design industrial implica la creazione di uno spazio che sembra essere stato utilizzato una volta per scopi industriali. Gli spazi progettati industrialmente condividono spesso elementi comuni come pavimenti in cemento, soffitti alti, elementi architettonici in acciaio e legno e ampie finestre.

I Colori dello Stile Industrial

I colori utilizzati sono solitamente quelli neutri e quelli che caratterizzano gli elementi da costruzione. Grigio, bianco, nero, marrone sono i predominanti ai quali possono essere abbinate tonalità a contrasto come il rosso dei mattoni in terracotta che si utilizzavano nei primi anni del 900 per costruire le fabbriche.

I colori principali dovrebbero rimanere neutri, quasi monocromatici. I toni di grigio che si abbinano al cemento, al bianco o al nero sono tutti perfetti per questo stile.

I colori di contrasto possono essere scelti in maniera abbastanza flessibile, anche se in genere vengono utilizzati con parsimonia. Aggiungi tocchi di colori vivaci per un look fresco, o attieniti ai toni ruggine, legno o mattone per mantenere l’estetica industriale pulita.

Le finiture in ferro, acciaio, vetro, cromo, rame o ottone, si abbinano tutte incredibilmente bene in questo mix.

 

Palette Colori Principali Stile Industrial

Palette Colori Principali Stile Industrial – dal sito interiorcravings.com

 

Complementi d’arredo stile industrial

L’aggiunta di un tappeto strutturato, un tavolino da caffè vintage o un oggetto d’arredo astratto, migliora notevolmente la personalità delle stanze. Inserire nel contesto qualche pianta verde, è un buon modo di aggiungere del colore.

Per l’arredo vero e proprio, sono indicati mobili in ferro o acciaio. Alle pareti qualche foto vintage o, come detto, dipinti astratti.

Per quel che riguarda l’illuminazione si prediligono lampade a terra, lampadari pendenti o lampade a muro. Nulla vieta di utilizzarle tutte e 3.

 

lampadario in stile industrial

lampadario in stile industrial

 

Qualche tocco in più lo possono dare i complementi d’arredo industrial, come cestini e scaffalature in metallo. Ma non dimenticate anche gli oggetti di uso quotidiano, come la zuccheriera, i vassoi, tavoli e sedie da prendere assolutamente nello stesso stile per non perdersi proprio nei particolari e snaturare il tutto.

Lo stile industriale moderno

Poiché l’industriale può risultare qualche volta (a qualcuno) un tantino “grezzo”, è possibile aderire alla deriva modernistica fondendo altri stili, tra cui il modero e lo chic.

Sia lo stile moderno che quello industrial, condividono la caratteristica di utilizzare materiali artificiali come acciaio e vetro. Tuttavia, gli stili moderni tendono a inclinarsi maggiormente verso linee rette e un’illuminazione più brillante. L’enfasi dell’industrial sul grezzo a questo punto potrebbe perdersi ma se si decide di osare l’abbinamento con sapienza, l’effetto finale è tutt’altro che ibrido.

/