Site icon STORYGRANT.IT

SEO copywriting: cos’è e come farlo

seo copywriting

Scrivere un articolo, scriverlo bene e scriverlo in ottica SEO sono cose diverse tra di loro. 

In questo articolo, gli esperti di Prodice S.r.l., web agency milanese, vi spiegheranno cosa vuol dire SEO copywriting, in che modo farlo e perché è correlato al posizionamento su Google. 

Cos’è il SEO copywriting?

Partiamo col dire cos’è il SEO copywriting. Questo termine si riferisce alla creazione di contenuti di qualità che attraggano e coinvolgano gli utenti e che, al tempo stesso, siano ottimizzati per i motori di ricerca

In sintesi, il SEO copywriting è l’unione del copywriting e della SEO.

L’obiettivo del copywriting è quello di scrivere contenuti originali e accattivanti, che attraggano lettori e li trasformino in clienti. Ma questo è possibile solo se gli utenti trovano il tuo sito. E, per trovarlo, è necessario che i tuoi contenuti siano ben posizionati su Google. Questo è lo scopo della Search Engine Optimization, la SEO. 

Se hai bisogno di aiuto per la stesura dei tuoi contenuti, gli esperti di web marketing della Prodice Srl sono pronti a darti una mano e ad aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi. 

 

 

Cosa vuol dire “contenuti di qualità”?

Il contenuto, per essere di qualità, dovrebbe osservare il paradigma E-A-T. Un acronimo che sta per Expertise-Authoritativeness-Trustworthiness, cioè Competenza, Autorevolezza e Attendibilità. Secondo questo paradigma, quindi:

 

Differenze tra SEO copywriter e copywriter

Cominciamo con un breve focus su quali siano le differenze tra un copywriter e un SEO copywriter

Il SEO copywriter:

Il copywriter: 

 

 

Come fare copywriting SEO?

Si parte dalla ricerca delle keyword, o parole chiave, per cui ci si vuole posizionare. 

Una volta trovate la main keyword (parola chiave principale) e le keyword secondarie, queste dovranno essere inserite all’interno del testo con raziocinio, senza abbondare e in maniera naturale. Un uso smodato di keyword, infatti, penalizzerebbe il testo e, di conseguenza, il ranking del tuo sito.   

Il secondo passaggio è la stesura dell’articolo. I contenuti devono essere coinvolgenti, unici e originali. 

Si passa poi all’ottimizzazione del titolo, all’ottimizzazione del testo, dei metadati e delle immagini

Infine, ultimo ma non per importanza, è essenziale fare link building

Ovviamente, poi, devono essere rispettate le regole della grammatica italiana, dell’ortografia e della sintassi.

 

Cosa sono i metadati?

Poco fa abbiamo nominato i metadati. Ma cosa sono?

I metadati sono quegli elementi che Google analizza e utilizza per i posizionamenti di un sito. 

Stiamo parlando dell’URL, del Title della pagina e della sua Meta Description, ossia le informazioni che appaiono sulla SERP. Il cosiddetto snippet.

 

L’url

Nell’ottica SEO, è necessario ottimizzare anche l’URL. Deve, dunque, essere inserita anche qui la parola chiave e devono essere eliminati gli elementi superflui, quali congiunzioni, articoli e preposizioni.

Vanno evitati, anche, il maiuscoletto, gli asterischi e gli accenti, gli underscores e gli URL troppo lunghi (max 512 pixels).

 

La Meta Description

La Meta Description è la descrizione che appare sotto titolo e link in SERP. 

Se non la inserisci, la meta description sarà formata dalle prime righe del tuo contenuto.

Scrivendola, invece, puoi ottimizzarla. Puoi inserire la keyword e rispettare la lunghezza (155-160 caratteri). 

La Meta Description deve riassumere il contenuto della pagina. 

 

Com’è strutturato un articolo ottimizzato SEO? 

La struttura dell’articolo deve essere ordinata. Il fine è quello di presentare all’inizio gli argomenti principali per poi scendere man mano nei dettagli con l’avanzare del testo.

 

Il titolo (Title, Headline o H1)

L’articolo si apre con il Title. Questo designa l’argomento principale dell’articolo. 

È necessario che il titolo sia accattivante e coinvolgente. Solo così, infatti, le persone sono invogliate a cliccare sul tuo link e a leggere il tuo articolo.  

È consigliabile che la main keyword sia inclusa nella parte iniziale del Title e che questo sia compreso entro i 50-60 caratteri.

Un titolo ottimizzato aumenta la percentuale di clic (ossia il CTR organico, acronimo click-through rate organico), incrementa le visualizzazioni della tua pagina e migliora il tuo ranking (cioè il tuo posizionamento in SERP).

 

Il testo 

Dopo aver eseguito l’analisi delle keyword e scritto un titolo accattivante e coinvolgente, segue il resto del testo

Prima di partire con i vari h2, h3 e così via, è bene iniziare l’articolo con una breve introduzione dell’argomento che si andrà a trattare. Questo perché l’introduzione è una delle parti in cui è più favorevole inserire la main keyword.

Inoltre, i lettori si fanno fin da subito un’idea di quello che andranno a leggere. 

 

Gli heading

Il testo dell’articolo deve essere strutturato come i libri di testo, con paragrafi e sottoparagrafi

In un articolo SEO, paragrafi e sottoparagrafi saranno indicati da h2, h3, h4, h5 e h6, a seconda di quanto in profondità si vuole entrare nell’argomento trattato. Assicuratevi che il paragrafo o il sottoparagrafo trattino dell’argomento indicato dal titolo. 

Ci sono, dunque, 6 livelli di intestazione. È raro che si trovino tutti e 6 gli heading. Solitamente, in un articolo di 1500-2000 parole non si va oltre l’h4. 

Gli heading vanno inseriti in ordine decrescente. Il Title principale è h1, segue poi h2, h3 e così via fino a h6. I titoli sono sempre più piccoli per far capire al lettore la gerarchia degli argomenti.  

Fondamentale, poi, è evitare i blocchi di testo. Inserire spazi tra i paragrafi rende più leggibile il testo.

Anche gli elenchi puntati possono essere un buon modo per schematizzare l’argomento rendendolo, nello stesso tempo, facilmente comprensibile al lettore. 

 

Inserisci immagini

L’utilizzo di contenuti multimediali all’interno del testo aiuta l’utente a comprendere meglio il contenuto.

Al contempo, l’inserimento di video o foto rende più piacevole e scorrevole la lettura del testo. Ciò diminuisce il bounce-rate, ossia la frequenza con cui un utente abbandona il sito pochi secondi dopo aver preso visione di una sola pagina web.

È essenziale, però, che le immagini siano ottimizzate. Ciò vuol dire che devono essere ridimensionate in modo da non appesantire il sito web. Non devono, poi, essere protette da copyright. Infatti, vanno scaricate da siti appositi, gratuiti o a pagamento, oppure realizzati dall’autore stesso. 

Infine, ricordati di rinominare le immagini. Anche queste devono avere un nome pertinente all’argomento trattato. Meglio ancora è includere la keyword nel nome dell’immagine o del contenuto multimediale. 

 

Fai Link Building 

Link Building vuol dire mettere in relazione pagine web, articoli e siti attraverso un link. 

Questi possono essere interni o esterni. 

 

Link interni 

Affinché l’utente visiti anche altre pagine del tuo sito, è importante inserire nel tuo articolo dei link interni al proprio sito web. 

Ovviamente intendiamo link pertinenti all’argomento che stai trattando. Anche in questo caso, non devono essere forzatamente inseriti.

 

Link esterni

I link esterni, invece, rinviano a contenuti di altri siti web. Servono a dare informazioni ulteriori all’utente.

Bisogna valutare con attenzione i contenuti esterni che si linkano. Devono essere contenuti affidabili, credibili, meglio ancora se autorevoli.

 

 

CTA – Call To Action

All’interno del testo puoi inserire delle Call To Action, ossia delle “chiamate all’azione” per attirare l’attenzione del lettore e dagli compiere un’azione. 

Le Call To Action le puoi inserire sotto forma di pulsanti o di link.

È possibile che gli utenti non leggano l’articolo da cima a fondo. Per questo motivo, è consigliabile inserire diverse CTA all’interno del testo: la prima dopo pochi paragrafi dall’inizio, la seconda verso metà pagina e la terza verso la fine. 

 

Formattazione

La formattazione non viene gestita dal SEO copywriter ma dal programmatore. 

Per la user experience, che influenza la SEO, è necessario non solo che il contenuto sia di qualità. Ma anche che sia di facile lettura. Quindi è necessario utilizzare font leggibili sia dal punto di vista grafico che dal punto di vista della dimensione del carattere.

 

Suggerimenti extra

Ricorda sempre il target a cui ti stai riferendo. Il tuo tone of voice dovrà, infatti, adattarsi a seconda delle persone a cui ti stai riferendo. 

Scrivi frasi semplice e concise. Il lettore seguirà meglio il testo.

Preferisci, poi, la forma attiva a quella passiva.

 

Evita ripetizioni

Non usare termini troppo complicati. Usare un linguaggio più chiaro e di facile comprensione possibile.

 

I contenuti devono essere lunghi?

Non c’è correlazione tra lunghezza dell’articolo e posizionamento in SERP. 

A Google non interessa quanto un articolo sia lungo. Ciò che rileva sono la qualità e l’originalità del contenuto. 

La lunghezza, inoltre, dipende dalla domanda che viene posta. 

Secondo le statistiche di Hubspot, gli articoli che si posizionano meglio sono di 2.250-2.500 parole. Ma è fondamentale scrivere solo se si ha qualcosa da dire. 

Solo se l’articolo dà una risposta alla domanda posta, è di qualità ed è originale si posizionerà bene, a prescindere da quale sia la sua lunghezza. 

 

SEO copywriting e Social Media

Rendi i tuoi contenuti facilmente condivisibili sui social media. In questo modo, renderai possibile al tuo contenuto raggiungere un pubblico più vasto.

Puoi rendere i tuoi contenuti condivisibili:

 

 

Perché scrivere articoli in ottica SEO? 

Ti chiedi perché dovresti fare tutti questi sforzi per la scrittura di un articolo? 

Bene, i contenuti sono ciò per cui gli utenti ti cercano, ti trovano e tornano sul tuo sito. Ma, soprattutto, sono la cosa fondamentale che Google analizza per posizionare il tuo sito. 

È necessario, dunque, che i tuoi contenuti siano ottimizzati e che diano all’utente la risposta alla domanda che pone.

La SEO quindi, come avrai capito, è il fondamento per la creazione di contenuti di grande rilevanza e ben visibili nella SERP.

 

Vantaggi dei servizi di SEO copywriting

I servizi di SEO copywriting possono portare vari vantaggi al tuo brand. Permettono, infatti, di:

 

Ecco concluso l’articolo su SEO copywriting. Se avete bisogno di una consulenza SEO, non esitate a contattare gli esperti di Prodice S.r.l., web agency di Milano.

Exit mobile version