master fisioterapia ecm

A cosa serve un master in fisioterapia con ECM

Una volta conseguita la laurea triennale, che a valore abilitante per esercitare la professione, il fisioterapista può percorrere due strade per specializzarsi: un Corso di Laurea Magistrale della Classe delle Scienze Riabilitative delle Professioni Sanitarie LM/SNT2 oppure un master in fisioterapia ECM.

Chi può frequentare un master in fisioterapia

Organizzati dalle università, i master sono corsi di formazione di qualità superiore che hanno lo scopo di offrire un elevato livello professionale e di perfezionamento ai fisioterapisti, oltre che competenze specializzate.

Di solito durano un anno e sono a numero chiuso, la frequenza è obbligatoria e le lezioni sono sia pratiche che teoriche. Alla fine il fisioterapista otterrà almeno 60 crediti formativi universitari.

I master si dividono in:

Primo livello: possono accedere soltanto coloro che hanno conseguito la laurea triennale o qualifica equivalente o riconosciuta.

Secondo livello: possono accedere coloro che hanno conseguito il diploma di laura magistrale o altro titolo equivalente.

Per quanto riguarda gli argomenti oggetti di studio, l’offerta formativa è molto ampia e contempla tutta una serie di aspetti e attività propri di questo settore professionale.

Corsi di Perfezionamento: a cosa servono

Quando si parla di corsi di perfezionamento, ci si riferisce a percorsi formativi a favore dei fisioterapisti che hanno conseguito un diploma di laurea triennale o magistrale.

I corsi servono loro per perfezionarsi e possono essere anche tenuti on-line. Inoltre, si possono iscrivere anche studenti, specializzandi e dottorandi che possono partecipare in qualità di uditori.

La durata di questi corsi di perfezionamento è variabile e consente la maturazione di crediti formativi, i quali sono suddivisi in base alle differenti aree tematiche.

A livello complessivo, l’obiettivo dei corsi è quello di arricchire il bagaglio professionale e culturale dei partecipanti, implementato anche da tematiche importanti quali nuove metodiche e strumenti innovativi; insomma, tutti elementi che hanno un unico scopo: trasformare i nuovi fisioterapisti in professionisti a tutto tondo e capace di svolgere il proprio lavoro avendo a disposizione una vasta gamma di nozioni scientifiche.

Cos’è l’Educazione Continua in Medicina (ECM)

L’ECM, acronimo di Educazione Continua in Medicina, è un sistema mediante il quale il fisioterapista è chiamato costantemente a tenersi aggiornato durante lo svolgimento dell’attività lavorativa.

Ogni triennio, il programma ECM attribuirà dei crediti ai fisioterapisti che parteciperanno a eventi formativi relativi alla loro particolare area di competenza.

Il percorso di formazione può esser svolto sul posto di lavoro (Formazione sul Campo FSC), in aula (Corsi Residenziali RES) oppure mediante i supporti informatici (Formazione a Distanza FAD).

Le possibilità lavorative per un fisioterapista

Il lavoro del fisioterapista riguarda curare le persone che soffrono di problemi fisici causati da lesioni, malattie o invecchiamento. Il lavoro può essere espletato in forma singola oppure cooperando con altri operatori sanitari in modo da offrire al paziente un approccio alla riabilitazione multidirezionale.

Per quanto riguarda le possibilità lavorative, coloro che hanno conseguito una laurea in Scienze Riabilitative delle Professioni Sanitarie possono contribuire attivamente alle attività assistenziali, formative e gestionali sempre nell’ambito della fisioterapia.

Questa abilitazione offre loro la possibilità di lavorare all’interno di strutture ospedaliere, cliniche private, ambulatori specializzati in riabilitazione motoria, case di cura e di riposo per anziani.

/