Come curare la propria igiene orale 1

Come curare la propria igiene orale

Parliamo di prevenzione orale e igiene dentale.

Come fare a curare la propria igiene orale

Molto spesso le persone trascurano la propria salute orale, già dalle piccole attività quotidiane che dovrebbero fare a casa.

Dentifricio e spazzolino ad esempio andrebbero utilizzati dopo ogni pasto. Il filo interdentale spesso non è nemmeno preso in considerazione e rischia di diventare ormai una chimera.

Le sedute di igiene orale dal dentista molte volte vengono rimandate per anni, quando in realtà sono fondamentali e andrebbero eseguite ogni 6-12 mesi.

Cosa comporta tutto questo?

Tutto questo comporta innanzitutto un aumento della carica batterica del cavo orale e quindi la conseguente sofferenza del sistema immunitario.

La bocca la dobbiamo vedere come la finestra del nostro organismo e per questo va curata al meglio. Fare questo porterà beneficio anche al nostro sistema immunitario.

Inoltre una salute orale trascurata può portare a problematiche più gravi come piorrea o parodontite che, se non trattate, rischiano di far arrivare addirittura alla perdita del dente. Tutti noi sappiamo che le cure odontoiatriche di ricostruzione sono spesso molto costose.

Curare la propria igiene orale, sia a casa che in studio dentistico attraverso sedute di igiene professionale, ci può portare un notevole risparmio, rispetto a chi magari ha trascurato questo aspetto.

Dobbiamo vedere la prevenzione dentale non come un costo, ma anche in un’ottica economica di risparmio.

Come fare a gestire bene la propria salute orale

Ma cosa vuol dire salute orale?

Vuol dire spazzolare i denti almeno due volte al giorno (anche in situazioni non comode come ad esempio durante un campeggio), meglio ancora spazzolarli ogni fine pasto (Colazione, Pranzo, Merenda, Cena).

Le linee guida ci consigliano poi, come già accennato, una seduta di igiene orale professionale ogni sei mesi. Se non è possibile almeno una volta all’anno dobbiamo andare a fare una pulizia dei denti dal dentista.

Anche la “manutenzione” è importante, un po’ come facciamo per una macchina o per una moto.

Quindi non abbiamo paura di utilizzare strumenti importanti come il filo interdentale e il collutorio, in modo da eliminare residui di cibo che rimangono incastrati tra i denti dopo i pasti.

Prevenzione “casalinga”

Pensare che una seduta ogni sei mesi di igiene professionale sia abbastanza, non è corretto.

Anche a casa dobbiamo stare attenti a come ci comportiamo nei confronti della nostra salute orale. Ad esempio lo spazzolamento dei denti non deve essere svolto in modo casuale o sommario.

Prima di tutto la durata. Non deve essere inferiore ad almeno due minuti. Quindi una sciacquata veloce alla bocca non serve. Dobbiamo avere cura di passare lo spazzolino da parte a parte sull’arcata superiore e inferiore.

Scegliamo una zona, ad esempio in alto a destra e passiamo tutta l’arcata spazzolando con movimenti dalla gengiva alla “punta” del dente come se stessimo scavando (i residui).

Finito l’arcata superiore comportiamoci alla stessa maniera su quella inferiore e poi sciacquiamo.

Se ci rendiamo conto che abbiamo mangiato determinati cibi che possono incastrarsi tra i denti, allora dobbiamo anche avere cura e pazienza ad utilizzare il filo interdentale.

Infine il collutorio è utile per mantenere la bocca fresca, pulita e protetta.

Alimentazione e stile di vita.

Ma non concentriamoci solo su cosa dobbiamo fare per pulire e tenere in ordine il nostro cavo orale. Concentriamoci anche su noi stessi.

Infatti la salute della bocca passa anche dal nostro stile di vita. Indubbiamente.

Quindi attenzione a quello che mangiamo, cerchiamo di limitare al minimo indispensabile alimenti ricchi di zuccheri o di grassi.

Stessa cosa per quanto riguarda il fumo e l’alcool (ad es. vino rosso). Sono piaceri a cui è difficile rinunciare, ma con un po’ di forza di volontà possiamo provare quanto meno a limitarli.

Il fumo e l’alcool macchiano i denti con macchie ostinate.

Conclusione

Abbiamo parlato di quello che è la prevenzione dentale e di come sia importante non solo “frequentare” almeno due volte all’anno uno studio dentistico, ma anche applicarsi a casa e cambiando (provare a cambiare) le nostre abitudini di vita.

Oltre l’igiene professionale un trattamento che spesso viene richiesto per un sorriso smagliante è anche lo sbiancamento dei denti con lampada. Utile per chi vuole avere un sorriso bianco da far invidia.

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con l’equipe dello studio dentistico Milano Unisalus di Via G.B. Pirelli 16/B, situato a pochi passi dalla stazione centrale milanese.

/