arredare casa per disabili

Come adattare una casa per disabili

Una persona con disabilità motoria deve fare i conti ogni giorno con le barriere architettoniche presenti dentro e fuori casa.

Il termine sta a indicare tutti gli ostacoli che possono impedire il passaggio utilizzando la sedia a rotelle. Non si tratta solo di scalinate, buche o passaggi stretti, ma anche semplici difetti sul pavimento, sanitari troppo accostati, pensili irraggiungibili.

Chi si muove sulla carrozzella può avere difficoltà a districarsi tra i tanti piccoli impedimenti presenti negli ambienti della casa. Scopriamo cosa fare per adattare tutti gli spazi alle esigenze di un disabile.

Cosa fare per modificare la casa

La modifica della casa per ospitare una persona disabile richiede tempo, ogni ambiente deve essere adattato alle sue necessità e allo stile di vita.

Tra gli interventi da fare si deve considerare l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche; la sostituzione di complementi d’arredo, la partitura e riorganizzazione degli spazi; l’installazione di ausili specifici e di attrezzature per il controllo degli gli ambienti della casa.

Ingresso

Spesso gli ostacoli iniziano fin dall’entrata in casa. Se lo spazio a disposizione lo permette, è consigliato inserire una rampa con superficie antiscivolo e corrimano di sicurezza.

Scale

Per le persone con difficoltà motorie, le scale rappresentano un ostacolo molto problematico. È possibile annullare il problema installando un montascale o una piattaforma elevatrice.

Bagno

Il bagno è uno degli ambienti più utilizzati e in cui il disabile va tutelato al massimo per preservare la sua autonomia. Tra gli interventi da fare bisogna includere l’abbattimento delle barriere architettoniche e la sostituzione dei sanitari con sistemi alternativi.

Si possono inserire alzawater, maniglioni, vasche da bagno con porta e seduta e altri accessori. Per avere una visione  più approfondita puoi guardare gli ausili per disabili su ausiliperlacasa.it.

Camera da letto

In camera da letto non devono mancare altri ausili per aiutare la persona a sollevarsi col minimo sforzo. Inoltre, potrebbero essere molto utili gli armadi con ante a scorrimento che, rendono più semplice la scelta e l’utilizzo dei vestiti.

Cucina

Tutti i pensili devono essere disposti su un unico livello, evitando di riporli in alto o in posizioni irraggiungibili per il disabile in carrozzella.

Tutti gli spazi all’interno dell’ambiente devono facilitare i movimenti tra i fornelli e non creare alcun tipo di impedimento.

Arredamento casa per disabili

Per ciò che riguarda l’arredamento di una casa per disabili, questo deve essere minimale e funzionale. In cucina e in bagno devono esserci solo mobili e complementi d’arredo essenziali e con bordi arrotondati e privi di spigoli, per evitare che si possano verificare urti e incidenti.

Evitare sportelli dotati di apertura a cerniera e preferire mobili e armadi con ante scorrevoli.

Le dimensioni delle camere per disabili devono sempre consentire il passaggio e allo stesso tempo, permettere l’utilizzo dell’arredo. Una stanza per disabili deve essere di almeno 3×3,60 metri, con una superficie di almeno 11 metri quadri.

Inoltre, le porte devono essere con apertura scorrevole e avere una larghezza minima di 80 cm. Anche le maniglie sono importanti, bisogna scegliere dei modelli adatti alle esigenze della persona disabile.

È consigliato anche installare delle luci che si accendono al passaggio, in questo modo si eviteranno condizioni di buio potenzialmente pericolose, in quanto la persona potrebbe inciampare o urtare i mobili ferendosi.

/